Nuova risonanza magnetica di ultima generazione all’Ospedale di Locarno

19 October 2018

L’Ospedale Regionale di Locarno La Carità dispone da qualche settimana di un nuovo apparecchio di ultima generazione per la risonanza magnetica, che offre un maggiore confort per il paziente, sia per le sue dimensioni, sia per la riduzione del rumore prodotto durante l’esame. La tecnologia di cui è dotato consente anche la riduzione dei tempi necessari per l’esame. L’apparecchio permette di eseguire quasi tutti tipi di indagine su numerose parti del corpo, come la testa, la colonna vertebrale, il cuore, il seno o la prostata. Inoltre, è ora interamente a disposizione della Carità, mentre in precedenza doveva essere condiviso con una struttura privata; ciò permette un’efficienza ancora maggiore per gli appuntamenti per i pazienti.

L’utilizzo di sequenze silenziose che riducono il rumore durante gli esami contribuisce a un maggiore confort per il paziente, in particolare per i bambini o le persone ansiose. Inoltre, la nuova apparecchiatura è dotata del tipo di tubo più largo oggi disponibile sul mercato (70 cm), per cui il paziente ha più spazio a disposizione e risente meno ansietà durante l’esame. Anche la ventilazione e la luminosità regolabili, oltre che un soffitto panoramico della sala per la risonanza magnetica, contribuiscono a far sì che il paziente possa rilassarsi durante la risonanza.

Il nuovo apparecchio, simile a quelli presenti negli ospedali EOC di Lugano e Bellinzona, consente di aumentare la qualità e la definizione delle immagini e di acquisire immagini multidimensionali per visualizzare sezioni del corpo su diversi piani. Il nuovo software di cui dispone l’apparecchiatura ha anche permesso di semplificare il lavoro dei tecnici di radiologia.
 

Social share