Neurologia

Ospedale Regionale di Lugano - Civico e Italiano

Civico: Via Tesserete 46, 6900 Lugano

Italiano: Via Capelli, 6962 Viganello

Tel: +41 (0)91 811 69 21

Il servizio di neurologia è uno dei 9 servizi di neurologia della Svizzera ed è l'unico in Ticino. Per questo motivo è considerato centro di riferimento cantonale. Il servizio collabora strettamente con il Centro Myosuisse Ticino. La sede principale del servizio è presso il Civico, dove è presente anche un reparto di degenza. Presso l'Ospedale Regionale di Bellinzona e Valli, sede San Giovanni, è presente un neurologo (Dr. med. P. Pedrazzi ) (senza reparto di degenza). Esso è riconosciuto dalla FMH come luogo di formazione di categoria B (2 anni).

Il servizio di neurologia si occupa delle malattie del sistema nervoso centrale (cervello e midollo spinale), periferico (radici nervosi, nervi) e muscolari.
I sintomi di cui il neurologo più frequentemente si occupa sono le cefalee, i dolori neuropatici, le vertigini, i disturbi della sensibilità, le paresi, i disturbi visivi non spiegati dall'oftalmologo, i disturbi del comportamento, della memoria, delle percezioni e i disturbi dello stato di coscienza.

Prestazioni

Reparto di neurologia: accoglie ogni anno circa 450 pazienti con malattie neurologiche acute e severe di tipo cerebrovascolare (ictus), infiammatorio, degenerativo, epilessie ed altri disturbi dello stato di coscienza. I pazienti con deficit cerebrovascolari acuti e disturbi dello stato di coscienza vengono sovente trattati inizialmente con la consulenza degli specialisti del servizio nel reparto di Medicina intensiva.
Ambulatorio di neurofisiologia clinica: L’attività dell’ambulatorio è variegata e spazia in diversi ambiti, prevalentemente legati alla diagnostica delle diverse malattie neurologiche, sia del sistema nervoso centrale (cervello e midollo spinale) che periferico (nervi e muscoli). Le malattie più frequenti del sistema nervoso centrale investigate sono: Sclerosi Multipla, malattie cerebrovascolari, M. di Alzheimer, M. di Parkinson, epilessia, altre malattie eredodegenerative o patologie infiammatorie-infettive. Per il sistema nervoso periferico citiamo: polineuropatie, miastenia e miopatie. Vi sono inoltre patologie sistemiche - che interessano altri organi o apparati - che coinvolgono anche il sistema nervoso (diabete mellito e altre malattie metaboliche per esempio). Nell’ambulatorio di neurofisiologia vengono eseguiti vari esami per lo studio del sistema nervoso applicando le metodiche di elettroencefalografia (EEG), di elettromiografia (EMG), di potenziali evocati, di poligrafia del sonno e di ultrasonologia Doppler.
Ospedale di giorno: dispone di due letti nel reparto di degenza. Presso l'ospedale di giorno vengono eseguiti osservazioni, esami speciali (in particolare punture lombari) e trattamenti ambulatoriali per pazienti dell'ambulatorio che non necessitano di essere ospedalizzati.

Il servizio svolge inoltre un'attività di consulenza nel servizio di Emergenza e Pronto soccorso, nel reparto di Medicina intensiva, in tutti i reparti di degenza del Civico e settimanalmente nei reparti di degenza dell'Italiano.

Esami eseguiti

Elettroencefalogramma (EEG):
Tracciato ottenuto per mezzo dell'elettroencefalografo. Consiste nella registrazione grafica delle variazioni di potenziale elettrico generate principalmente dall'attività cerebrale corticale applicando degli elettrodi sulla superficie del cranio. Può essere registrato in condizioni basali, di deprivazione di sonno, per 24 ore (EEG-prolungato).

Potenziali evocati (PESS-PEA-PEV-PEM):
Esplorano la funzionalità delle vie nervose sensitive, motorie, visive ed acustiche. Corrispondono alla registrazione delle risposte cerebrali evocate mediante l’applicazione al paziente dello stimolo relativo alla via nervosa indagata.
I vari tipi di potenziali evocati sono:
• PEA: esplorano le vie acustiche attraverso la somministrazione di stimolo sonoro
  (cuffia)
• PEV: esplorano le vie visive attraverso l’impiego di una fonte luminosa (schermo
  televisivo)
• PESS: studiano le vie sensitive mediante applicazione di stimoli elettrici
  superficiali
• PEM: studiano le vie motorie mediante applicazione di stimoli magnetici sul capo
  e sulla colonna vertebrale

Eco Color Doppler dei tronchi sovra-aortici:
L’ecodoppler (o l’eco-color-doppler) esamina le arterie del collo allo scopo di ricercare possibili alterazioni (ad esempio placche di aterosclerosi) che possono restringere il lume delle arterie e ridurre il flusso di sangue al cervello e quindi porre l’indicazione per un eventuale intervento chirurgico. Il grande vantaggio risiede nell’assenza di effetti collaterali da radiazioni.

Polisonnografia:
E’ il termine comunemente usato per indicare una registrazione di sonno con impiego simultaneo di più parametri fisiologici. Normalmente nel corso del test vengono registrati due o più canali EEG, vari canali elettromiografici, i movimenti di torace e addome, il flusso oro-nasale e la saturazione di ossigeno nel sangue.

Elettromiografia (EMG) e Elettroneurografia (ENG):
Sono metodiche neurofisiologiche che vengono utilizzate per studiare il sistema nervoso periferico (SNP) dal punto di vista funzionale. Rappresenta un metodo affidabile in grado di dare informazioni sulla funzionalità dei nervi periferici e dei muscoli scheletrici. E’ inoltre un mezzo diagnostico che permette di inquadrare le malattie neurologiche del SNP riguardanti patologie a carico di radici nervose, plessi nervosi, nervi periferici, placca neuromuscolare e muscoli. Se l’esame neurologico evidenzia un deficit a carico del SNP, l’elettromiografia rappresenta un mezzo indispensabile per approfondire la diagnosi, soprattutto quando non sono chiare: la sede di lesione, l’entità ed il tipo di lesione.

Ossimetria:
È un esame che permette di evidenziare la percentuale di saturazione dell'ossigeno nel sangue (SpO2).

 

Ultimo aggiornamento: 02 luglio 2019