Stipsi

La stitichezza è un sintomo comune perché quasi tutti gli intestini si bloccano di tanto in tanto. Di solito la stitichezza scompare nel giro di pochi giorni, ma può anche durare più a lungo e diventare cronica.

Panoramica

Tutti hanno a che fare con la stitichezza a un certo punto della loro vita. Spesso è causata da una dieta scorretta e dalla mancanza di esercizio fisico. Ma anche alcune malattie possono esserne responsabili. Di solito la stitichezza scompare in breve tempo grazie a un cambiamento di stile di vita o a un trattamento, ma non è sempre così. Alcune persone hanno problemi digestivi per più di tre mesi. La stitichezza può avere un impatto significativo sulla vita quotidiana e sulla qualità della vita. Ciò è particolarmente vero se la stitichezza è cronica.

La stitichezza non è una malattia a sé stante, ma un sintomo che qualcosa non va nell'organismo. E: descrive la sensazione soggettiva di non riuscire a espellere le feci con sufficiente frequenza, in quantità sufficiente, con la giusta consistenza e solo con fastidio.

Costipazione - da quando?

Non tutti coloro che non riescono ad andare in bagno di tanto in tanto soffrono immediatamente di stitichezza. La frequenza dei movimenti intestinali varia notevolmente da persona a persona e dipende da molti fattori diversi, tra cui lo stile di vita.

Applichiamo approssimativamente la seguente regola: Si parla di stitichezza quando una persona ha meno di tre movimenti intestinali a settimana. Tutte le altre frequenze delle feci - da tre volte al giorno a tre volte alla settimana - sono considerate normali.

Ma la frequenza dei movimenti intestinali da sola non è abbastanza significativa. Alcune persone hanno movimenti intestinali regolari, ma con molti "problemi". La stitichezza potrebbe essere presente anche se

  • Le feci sono molto dure - chi ne soffre deve spesso spingere con forza;
  • Lo svuotamento è irregolare e incompleto;
  • La defecazione è difficile e dolorosa, alcuni devono addirittura usare le dita.


Si parla di stitichezza cronica solo quando i problemi intestinali durano da più di tre mesi.

Stitichezza nei neonati e nei bambini piccoli

Per la stitichezza nei neonati e nei bambini si applicano regole leggermente diverse:

  • Se state allattando completamente il vostro bambino, la perdita di movimenti intestinali per tre o quattro giorni non è ancora considerata insolita. Consideriamo normale una frequenza di feci da cinque volte al giorno a una volta ogni cinque giorni;
  • Nei bambini piccoli, i seguenti segnali indicano stitichezza: I movimenti intestinali sono molto infrequenti (una volta alla settimana) e sono anche duri e secchi.

Costipazione - frequenza ed età

Nei Paesi occidentali come la Svizzera, circa il 15% della popolazione adulta soffre di stitichezza. Nel complesso, la digestione delle donne si blocca molto più spesso di quella degli uomini. Molte donne soffrono di stitichezza durante la gravidanza, l'allattamento o la menopausa. La causa risiede nei cambiamenti ormonali che si verificano in queste fasi della vita. In questo caso intervengono gli ormoni femminili progesterone e progestinico.

Con l'avanzare dell'età, la stitichezza si presenta con maggiore frequenza, soprattutto negli uomini. I motivi sono solitamente la mancanza di esercizio fisico, ma anche l'assunzione di farmaci, che possono causare stitichezza come effetto collaterale.

Cause e fattori di rischio

Esistono diverse cause che possono rendere l'intestino lento e scatenare la stitichezza. I possibili fattori di rischio per la stitichezza possono essere:

  • Dieta sbagliata: troppo poco consumo di fibre alimentari (prodotti integrali, frutta, verdura, legumi, semi), troppo poco apporto di liquidi (si consigliano almeno 1,5-2 litri al giorno). Tuttavia, non tutti coloro che seguono una dieta poco sana soffrono necessariamente di stitichezza e viceversa: le persone che seguono una dieta molto sana non sono necessariamente immuni dalla stitichezza. Quindi alcune persone sono probabilmente più inclini alla stitichezza di altre;
  • Mancanza di esercizio fisico: molte persone stanno troppo sedute nella loro vita quotidiana, alla scrivania al lavoro o davanti alla TV o al PC a casa. Anche questo rende l'intestino pigro. L'esercizio fisico, invece, stimola l'attività intestinale;
  • Cambiamento del ritmo di vita: ad esempio, lo stress al lavoro, a scuola, in formazione o a casa, ma anche i viaggi possono causare un rallentamento dell'attività intestinale;
  • Abitudini intestinali scorrette: Alcune persone trattengono la sedia, ad esempio perché sono sedute a una riunione, perché il tragitto verso la toilette è lungo o perché non c'è una toilette igienica nelle vicinanze;
  • Gravidanza, allattamento, menopausa, mestruazioni: i cambiamenti ormonali possono causare stitichezza;
  • Alcuni farmaci possono causare stitichezza come effetto collaterale. Ne sono un esempio gli antidolorifici (ad esempio gli oppiacei), i preparati a base di ferro e litio, i farmaci contro l'ipertensione, i diuretici, i neurolettici (per le psicosi) o gli antidepressivi;
  • Uso improprio di lassativi: Questi farmaci possono causare essi stessi stitichezza se usati per lungo tempo;
  • Malattie: Cancro, malattie della tiroide, depressione, malattie neurologiche (ad es. morbo di Parkinson, sclerosi multipla) o muscolari (ad es. distrofia muscolare, miastenia grave).

Cause della stitichezza: disfunzione intestinale

Anche le disfunzioni intestinali possono essere responsabili della stitichezza. Queste possono essere descritte come segue:

  • Movimento rallentato del colon: L'intestino crasso non lavora abbastanza velocemente e impiega molto più tempo per spostare le feci verso l'ano. L'intestino tenue continua a fornire sempre più prodotti della digestione, che poi si raccolgono e si accumulano nell'intestino crasso. Il contenuto dell'intestino rimane lì più a lungo e viene estratto più liquido, per cui la consistenza delle feci alla fine diventa solida e dura;
  • Disturbi dello svuotamento: Anche se il colon funziona come dovrebbe, il retto è bloccato. Le persone colpite non riescono a svuotare le feci o lo fanno solo con grande difficoltà. Spesso i medici non riescono a trovare una causa organica per la disfunzione intestinale, ma i problemi sono puramente funzionali. Per questo motivo si parla anche di stitichezza funzionale.

Le malattie intestinali come causa di stitichezza

  • Anche alcune malattie intestinali possono essere collegate alla stitichezza. Tra queste, la sindrome dell'intestino irritabile (IBS o, in breve, sindrome dell'intestino irritabile),
  • Sporgenze infiammate (diverticoli) nell'intestino - diverticolite è il nome di questo quadro clinico,
  • Malattie infiammatorie croniche dell'intestino (IBD): malattia di Crohn e colite ulcerosa,
  • Più raro: polipi intestinali, aderenze intestinali, cancro intestinale


Anche le ragadi anali dolorose, gli ascessi anali o le emorroidi di solito rendono più difficili i movimenti intestinali.

Sintomi

La stitichezza non è una malattia a sé stante, ma un sintomo. Può essere associata a molti altri disturbi spiacevoli. La stitichezza è caratterizzata da:

  • Movimenti intestinali difficili, che spesso richiedono una forte pressione e sono quindi spesso dolorosi;
  • La frequenza delle feci è inferiore a tre volte alla settimana;
  • Sensazione di pienezza, sensazione di "gonfiore";
  • Dolore addominale;
  • Flatulenza;
  • Sensazione di svuotamento incompleto;
  • Sensazione di blocco del retto.


Anche se la stitichezza può essere molto spiacevole e influire sulla vita quotidiana e sulla qualità della vita, di solito non è pericolosa per la salute. Se le feci rimangono nell'intestino per un periodo di tempo più lungo, non si formano sostanze tossiche. Se, oltre alla stitichezza, si manifestano altri sintomi, è sempre opportuno rivolgersi immediatamente a un medico per farli chiarire. Tra questi vi sono:

  • Sangue nelle feci (è sempre il caso di recarsi dal medico);
  • Perdita di peso inspiegabile;
  • Nausea, vomito, crampi addominali, coliche: possono essere segni di ostruzione intestinale. In questo caso è necessario intervenire immediatamente.

Prevenzione e diagnosi precoce

Non è possibile prevenire la stitichezza al 100%. Quasi tutti hanno a che fare con la stitichezza a un certo punto della loro vita. Tuttavia, ci sono alcune misure che si possono adottare per ridurre il rischio di stitichezza. Alcuni consigli generali:

  • Mangiate una quantità sufficiente di fibre, utili per la digestione. Buone fonti di fibre sono i prodotti integrali (ad esempio riso, pasta, pane, cereali), la frutta (compresa quella secca), le verdure, i semi (ad esempio semi di lino, psillio), le noci e i legumi (ad esempio lenticchie, piselli, fagioli);
  • Assicuratevi di bere abbastanza liquidi: si consigliano da 1,5 a 2 litri al giorno, di più nelle giornate calde. Scegliete bevande a basso contenuto calorico come acqua, tè non zuccherati o spritz al succo di frutta;
  • Muoversi molto nella vita quotidiana e fare sport. Fate più spesso lunghe passeggiate (ad esempio dopo i pasti). Anche gli sport di resistenza come il nuoto, il ciclismo, il nordic walking o l'escursionismo sono utili. Anche il ballo è salutare.

Decorso e prognosi della stipsi

Il decorso e la prognosi della stitichezza dipendono dalla causa sottostante. Per la maggior parte delle persone, la stitichezza scompare nel giro di pochi giorni da sola o attraverso misure adeguate (dieta ricca di fibre, bere molti liquidi, fare sufficiente esercizio fisico). Tuttavia, se la stitichezza è dovuta a malattie esistenti o all'assunzione di farmaci, non è così semplice. Occorre trattare adeguatamente la malattia di base o, nel caso dei farmaci, ridurre la dose o scegliere un preparato diverso. A volte la stitichezza può addirittura diventare cronica: i problemi digestivi durano più di tre mesi. Questo è estremamente spiacevole e può compromettere seriamente il piacere di vivere.

Trattamento

Il trattamento della stitichezza dipende sempre dalla causa sottostante. Se, ad esempio, è coinvolto il vostro stile di vita, ci sono cose che potete fare da soli per ridare "gambe" al vostro intestino.

Alcuni suggerimenti:

  • Cambiare la dieta;
  • Integratori di fibre alimentari;
  • Evitare lo stress;
  • Lassativi per la stitichezza.

Specialità correlate