Sindrome di cushing

Se nel corpo circola una quantità eccessiva di cortisolo per lungo tempo, si può sviluppare la sindrome di Cushing. I segni di questa sindrome sono l'aumento di peso, l'ipertensione arteriosa, la debolezza muscolare e lo sviluppo della cosiddetta faccia da luna e del collo di toro.

Panoramica

Il cortisolo è un ormone vitale prodotto dall'organismo nella corteccia surrenale. Il cortisolo appartiene al gruppo dei glucocorticoidi che influenzano, tra l'altro, il metabolismo, il sistema cardiovascolare e quello nervoso. Il cortisolo è noto anche come ormone dello stress, perché il corpo ne produce di più quando è costantemente esposto a maggiori esigenze.

Se il livello di cortisolo nell'organismo è troppo alto a lungo termine, si sviluppa un gruppo di sintomi che vengono riassunti con il termine di sindrome di Cushing. La sindrome prende il nome dal medico americano Harvey Cushing.

La sindrome di Cushing è una malattia rara. Per questo motivo, e poiché i segni possono essere numerosi, ci vogliono in media tre anni prima che venga fatta una diagnosi. Le donne sono colpite da tre a quattro volte più spesso degli uomini. La maggior parte dei casi si verifica tra i 20 e i 50 anni. Ma anche i bambini e gli anziani possono soffrirne.

A seconda del motivo per cui nel corpo circola troppo cortisolo, i medici distinguono due forme di sindrome di Cushing:

  • Sindrome di Cushing endogena: in questa forma più rara, che viene "dall'interno", l'ipercortisolismo è solitamente causato da tumori dell'ipofisi, della corteccia surrenale o, più raramente, da altri tumori;
  • Sindrome di Cushing esogena: questa forma "esterna" è il risultato di una terapia farmacologica con glucocorticoidi sotto forma di compresse, iniezioni o infusioni.

Frequenza della sindrome di Cushing

Nella maggior parte dei casi, la sindrome di Cushing compare in forma esogena, cioè come conseguenza di un trattamento farmacologico a lungo termine con glucocorticoidi.

La sindrome di Cushing endogena (ipercortisolismo) è una malattia rara con una frequenza di circa 2-5 casi per 1 milione di abitanti all'anno. Colpisce soprattutto le donne tra i 30 e i 50 anni.

Cause e fattori di rischio

La sindrome di Cushing deriva sempre da un eccesso prolungato di cortisolo nell'organismo, il cosiddetto ipercortisolismo.

Sindrome di Cushing esogena: causata da farmaci

Più spesso, la sindrome di Cushing ha cause esterne. La sindrome di Cushing esogena è causata dal trattamento a lungo termine con alcuni farmaci:

Glucocorticoidi (cortisone): Il precursore inattivo del cortisolo nell'organismo è chiamato cortisone. Colloquialmente, i glucocorticoidi prodotti sinteticamente e utilizzati come farmaci sono chiamati anche cortisone. Il principio attivo del cortisone, dopo che l'organismo lo ha convertito in cortisolo, ha un effetto antinfiammatorio e immunosoppressivo. Per questo motivo utilizziamo il cortisone, ad esempio, per trattare molte malattie autoimmuni e infiammazioni croniche, come la sclerosi multipla, il morbo di Crohn e la colite ulcerosa.

In dosi elevate e somministrati per un periodo di tempo prolungato, i farmaci possono provocare effetti collaterali indesiderati che corrispondono ai sintomi della sindrome di Cushing endogena. Inoltre, l'assunzione può portare all'assuefazione, per cui la rapida sospensione del farmaco provoca una debolezza surrenalica a breve termine.

Sindrome di Cushing endogena: sovrapproduzione propria dell'organismo

La rara sindrome di Cushing endogena si verifica quando l'organismo produce troppo cortisolo senza influenze esterne. Ciò può avvenire sia in modo ACTH-dipendente che ACTH-indipendente:

Sindrome di Cushing endogena ACTH-dipendente
Se la sindrome di Cushing endogena si sviluppa in modo ACTH-dipendente, significa che l'organismo produce una quantità eccessiva dell'ormone di controllo ACTH, che successivamente induce le ghiandole surrenali a produrre troppi glucocorticoidi. Le cause più comuni sono tumori benigni (adenomi) o maligni (carcinomi) che producono ACTH:

  • Sindrome di Cushing centrale: in questa forma più comune, l'ipercortisolismo è causato da un tumore benigno dell'ipofisi (malattia di Cushing);
  • Sindrome di Cushing paraneoplastica o ectopica: la causa di questa forma è una produzione di ACTH atipicamente elevata, solitamente causata dai cosiddetti tumori neuroendocrini.


Sindrome di Cushing endogena indipendente da ACTH
Se la sindrome di Cushing endogena si sviluppa indipendentemente dall'ormone di controllo ACTH, le ragioni risiedono nella ghiandola surrenale stessa (cioè nel surrene).
In questi casi, gli adenomi o i carcinomi della corteccia surrenale sono responsabili dell'aumento della produzione di cortisolo. In rari casi, anche le crescite benigne di tessuto di entrambe le ghiandole surrenali (le cosiddette iperplasie) sono responsabili della malattia.

Sintomi

L'ormone cortisolo svolge un'ampia gamma di compiti nell'organismo umano. Ad esempio, è coinvolto nel metabolismo delle proteine, degli zuccheri e dei grassi, regola la pressione sanguigna e influenza il sistema immunitario. A causa di questa molteplicità di funzioni, anche le caratteristiche della sindrome di Cushing sono diverse.

I principali sintomi della sindrome di Cushing sono i seguenti:

  • La cosiddetta obesità troncale, ovvero i depositi di grasso che si formano principalmente sul tronco del corpo, cioè la parte superiore del corpo, l'addome e i fianchi. Le braccia e le gambe non sono interessate, ma spesso sono sensibilmente magre a causa della debolezza muscolare;
  • La tipica faccia lunare (facies lunata), cioè un viso rotondo e arrossato;
  • Alta pressione sanguigna (ipertensione);
  • Mancanza di mestruazioni (amenorrea) nelle donne.


Possono verificarsi, ma non necessariamente, tutta una serie di altri sintomi. Di norma, non compaiono tutti nello stesso momento.

Altri possibili sintomi

  • Il cosiddetto collo di bufalo o di toro, che significa che si accumula più grasso sul collo;
  • Livelli elevati di colesterolo: le persone colpite hanno spesso una quantità maggiore di colesterolo nel sangue;
  • Condizione metabolica diabetica: poiché la glicemia è elevata a causa dell'eccesso di cortisolo, l'organismo secerne più insulina. Questo crea una situazione simile al diabete;
  • Debolezza muscolare e riduzione della densità ossea: il cortisolo rompe il collagene, il tessuto connettivo e il materiale osseo;
  • Dolore alle ossa e alla schiena in seguito a fratture ossee, ad esempio della colonna vertebrale;
  • Cambiamenti della pelle: La densità della pelle diminuisce (pelle pergamenata), si sviluppano smagliature, alcune delle quali rosse, soprattutto sull'addome. Possono verificarsi anche alterazioni della guarigione delle ferite, acne e foruncoli;
  • Mascolinizzazione: alle donne crescono più peli corporei nei punti tipici degli uomini, cioè sul mento, sul labbro superiore o sul petto (irsutismo);
  • Problemi di potenza e calo della libido in entrambi i sessi;
  • Problemi psicologici: sbalzi d'umore, ansia, sintomi depressivi.

Prevenzione e diagnosi precoce

La sindrome di Cushing esogena, più comune, si può prevenire solo con i farmaci. Se si deve assumere un glucocorticoide (per esempio, il cortisone) a causa di un'altra malattia, per esempio l'asma o l'artrite reumatoide, questo deve essere fatto sotto stretto controllo medico. È importante che la terapia sia strettamente monitorata dal medico e che sia solo temporanea.

La forma molto più rara di sindrome di Cushing endogena, invece, non può essere prevenuta. Lo stesso vale per la diagnosi precoce della sindrome di Cushing. Per la variante esogena è possibile se la terapia viene monitorata attentamente. Per la forma endogena non c'è possibilità di diagnosi precoce, anche perché i sintomi sono molto vari.

Prognosi della sindrome di Cushing

La prognosi della sindrome di Cushing esogena è buona. È fondamentale interrompere il farmaco scatenante o ridurne la dose. Questo deve essere fatto in consultazione con il medico. Per la sindrome di Cushing endogena, la prognosi dipende dalla capacità di trattare la malattia scatenante, di solito un tumore.

Il decorso della sindrome di Cushing dipende dalla causa. Nella maggior parte dei casi, il trattamento offre una prognosi favorevole: la percentuale di successo è compresa tra il 50 e l'80%.

  • Se si verifica come effetto collaterale di un trattamento a lungo termine con alcuni farmaci, ad esempio un glucocorticoide, scompare di nuovo quando si interrompe l'assunzione del farmaco;
  • Con un trattamento precoce, la sindrome può essere curata relativamente bene anche se è causata da un tumore benigno dell'ipofisi (la cosiddetta malattia di Cushing);
  • Anche la sindrome di Cushing, causata da un adenoma surrenale benigno, è relativamente curabile;
  • La prognosi è meno positiva se la causa è un carcinoma surrenale o un altro tumore maligno.

Complicazioni della sindrome di Cushing

La sindrome di Cushing può causare diverse complicazioni che riguardano, tra l'altro, il metabolismo osseo e muscolare e si manifestano con osteoporosi o debolezza muscolare a lungo termine. Se non trattate, le persone colpite possono addirittura morire dopo mesi o anni, ad esempio a causa di infezioni, alterazioni dei sali nel sangue o conseguenze dell'ipertensione arteriosa. Se si sviluppano sintomi psicologici, aumenta anche il rischio di suicidio in assenza di trattamento.

Se i glucocorticoidi vengono sospesi rapidamente e in modo incontrollato dopo una terapia a lungo termine, può permanere un'ipofunzione surrenalica pericolosa per la vita, che deve essere trattata con un'ulteriore terapia ormonale sostitutiva a basso dosaggio.

Trattamento

La terapia della sindrome di Cushing dipende dalla sua causa scatenante. In ogni caso, l'obiettivo del trattamento è quello di normalizzare il livello elevato di cortisolo. Di solito questo obiettivo viene raggiunto con un intervento chirurgico, in casi più rari o con un trattamento farmacologico. Le conseguenze della sindrome di Cushing possono durare fino a diversi mesi.