Ernia del disco

Lo scivolamento del disco è solitamente causato dall'usura della colonna vertebrale dovuta all'età. In questo caso, parte del nucleo gelatinoso morbido all'interno del disco intervertebrale si rompe attraverso l'anello fibroso esterno. Questo tessuto, che si è rigonfiato o prolassato nel canale nervoso della colonna vertebrale, può premere sui nervi circostanti o sul midollo spinale. La maggior parte delle ernie del disco guarisce senza conseguenze senza intervento chirurgico e i sintomi regrediscono di conseguenza. In alcuni casi è indicato l'intervento chirurgico. I soggetti colpiti possono fare qualcosa per rafforzare la schiena e ridurre il rischio di un'altra ernia del disco.

Panoramica

I dischi intervertebrali sono dischi intervertebrali cartilaginei situati tra due corpi vertebrali adiacenti. Il termine medico per indicare un disco intervertebrale è discus intervertebralis.
I dischi intervertebrali sono flessibili e permettono alla colonna vertebrale di muoversi. Allo stesso tempo, servono come una sorta di ammortizzatore, che assorbe i colpi alla colonna vertebrale.

Ogni disco intervertebrale ha un anello fibroso esterno e solido e un nucleo gelatinoso interno, un po' più morbido. Questo assicura che il disco rimanga elastico.
Se il nucleo gelatinoso e quindi il disco intervertebrale si rigonfia senza lacerare l'anello fibroso protettivo, i medici parlano di protrusione. Una protrusione del disco intervertebrale è uno stadio preliminare dell'ernia del disco. L'ernia del disco si verifica quando una parte di questo nucleo si sposta verso l'esterno attraverso l'anello fibroso, nel canale nervoso della colonna vertebrale. Qui può premere sui nervi circostanti o sul midollo spinale.

Altri termini medici per indicare un rigonfiamento o un'ernia del disco sono ernia discale (dal latino "diskus" = "disco" e "hernia" = ernia) e prolasso del disco (dal latino "pro" = "davanti a" e "lapsus" = "cadere").

Ernia del disco - frequenza ed età

La maggior parte delle persone mostra segni di usura della colonna vertebrale a partire dai 30 anni. Questo fa parte del normale processo di invecchiamento e non è ancora un segno di malattia.

Diverso è il caso in cui l'ernia del disco si verifica in seguito a usura o lesione. Un'ernia del disco con sintomi dovuti all'irritazione o alla compressione dei nervi colpisce circa 150 persone su 100.000 ogni anno. La maggior parte delle persone colpite ha un'età compresa tra i 40 e i 50 anni.

Cause e fattori di rischio

La causa più comune di uno scivolamento del disco è l'usura del disco dovuta all'età. Più raramente è causato da una lesione. Con il passare degli anni, il disco intervertebrale diventa sempre meno elastico. Ciò aumenta il rischio che l'anello fibroso del disco intervertebrale si laceri e che parti del nucleo gelatinoso possano rigonfiarsi o prolassare nel canale nervoso, dando origine a un'ernia del disco. Pertanto, le persone di mezza età sono particolarmente colpite da problemi ai dischi intervertebrali e dall'ernia del disco.

Tuttavia, l'età non è l'unica causa di uno scivolamento del disco. Esistono numerosi fattori che sollecitano il disco intervertebrale. Tra questi vi sono:

  • Sovrappeso;
  • Mancanza di esercizio fisico;
  • Difetti posturali;
  • Duro lavoro fisico;
  • Sollevare oggetti pesanti con una postura biomeccanicamente sfavorevole.

Sintomi

Un'ernia del disco non causa necessariamente dei sintomi. Una piccola ernia del disco spesso rimane inosservata per molto tempo o viene scoperta per caso.

A seconda della posizione e delle dimensioni, l'ernia del disco può causare sintomi diversi. L'ernia del disco può verificarsi in qualsiasi zona della colonna vertebrale. Tuttavia, il più delle volte colpisce la colonna lombare (LS) e meno frequentemente la colonna cervicale (HWS) o la colonna toracica (BWS). Oltre il 90% di tutte le ernie discali si verifica nella colonna lombare.

I sintomi tipici di un'ernia del disco nella colonna lombare sono i seguenti:

  • Dolore alla schiena con irradiazione alla gamba ed eventualmente al piede;
  • Disturbi della sensibilità nell'area della gamba ed eventualmente del piede;
  • Formicolio ai glutei, alle gambe e/o ai piedi;
  • Segni di paralisi della gamba.


In rari casi, nell'ambito di un'ernia del disco possono verificarsi anche problemi di intestino e di minzione, nonché intorpidimento della zona anale e genitale e dell'interno delle cosce. Tale emergenza è chiamata anche sindrome di Kauda-Equina. In questo caso, il chirurgo deve rimuovere chirurgicamente il tessuto discale prolassato come emergenza per prevenire danni permanenti ai nervi e sintomi.

Prevenzione e diagnosi precoce

Non è possibile prevenire direttamente lo scivolamento del disco. Tuttavia, è possibile rafforzare la muscolatura della schiena con diverse misure e ridurre così il rischio di slittamento del disco. È inoltre importante organizzare la propria vita quotidiana in modo da evitare sollecitazioni inutili e non salutari sulla colonna vertebrale:

A cosa bisogna prestare attenzione:

  • Eseguire regolarmente un allenamento mirato dei muscoli dorsali e addominali per sostenere e alleviare la pressione sulla colonna vertebrale;
  • Evitare il sovrappeso. Questo comporta un'ulteriore sollecitazione della colonna vertebrale e dei dischi intervertebrali;
  • Il sollevamento in posizione piegata in avanti può gravare sui dischi intervertebrali per un peso da otto a dodici volte superiore. Pertanto, se possibile, sollevare oggetti pesanti da una posizione accovacciata e con la colonna vertebrale dritta;
  • Svolgere sempre le attività domestiche e lavorative in posizione eretta e normale;
  • Se siete prevalentemente sedentari, dovreste alzarvi e camminare di tanto in tanto;
  • I mobili per sedersi devono essere progettati in modo ergonomico e avere sedile e schienale regolabili in altezza.

Decorso e prognosi dell'ernia del disco

Circa l'80% di tutte le ernie del disco guarisce senza conseguenze senza intervento chirurgico. In questi casi, la prognosi è buona. In alcuni casi, tuttavia, i sintomi possono peggiorare o portare a limitazioni croniche. In questo caso, l'intervento chirurgico può aiutare a rimuovere il tessuto discale rigonfiato o prolassato, a liberare le strutture nervose e ad alleviare i sintomi. In casi molto rari, tuttavia, l'intervento chirurgico comporta anche complicazioni o la comparsa di tessuto cicatriziale in eccesso.

Per questo motivo, è opportuno valutare sempre attentamente i pro e i contro di un intervento.

Trattamento

A seconda del tipo, della posizione e delle dimensioni dell'ernia del disco e dell'irritazione nervosa e dei sintomi che ne derivano, sono disponibili diverse opzioni di trattamento. 

Specialità correlate