Diabete

Se vi sentite molto assetati, dovete bere più acqua, vi sentite spenti e stanchi, questo potrebbe essere un indice di diabete mellito. Solo in Svizzera, più di mezzo milione di persone sono affette da diabete.

Panoramica

Il diabete mellito è una malattia metabolica cronica. Nel sangue circolano costantemente troppi zuccheri. L'aumento della glicemia danneggia i vasi sanguigni e vari organi.
Gli esperti distinguono principalmente due forme di diabete:

  • Il relativamente raro diabete di tipo 1 (circa il 5%);
  • Il diabete mellito di tipo 2, responsabile del 90% delle malattie.

Il diabete mellito di tipo 1 è causato da una malattia autoimmune che distrugge tutte le cellule del pancreas che producono insulina.

Il diabete mellito di tipo 2 è una delle malattie della civiltà. Nel mondo, circa 425 milioni di persone convivono con questa malattia, di cui circa 60 milioni in Europa. Allo stesso tempo, il numero di persone colpite è in continuo aumento in tutto il mondo. Il motivo principale è che sempre più persone mettono su troppi chili. Oltre a una forte ereditarietà, il sovrappeso e la scarsa attività fisica sono i principali fattori di rischio per il diabete mellito di tipo 2.

Il ruolo chiave dell'ormone insulina

Il glucosio è una delle più importanti fonti di energia dell'organismo. Entra nel sangue attraverso gli alimenti. Alcune cellule del pancreas, le cellule beta, producono l'ormone insulina. Questo ormone garantisce che le cellule del corpo possano assorbire ed elaborare il glucosio.

Dopo un pasto, il pancreas rilascia insulina nel sangue. Questa si aggancia a determinati recettori nelle cellule del corpo e fa sì che la membrana cellulare lasci entrare il glucosio nella cellula. Senza insulina, lo zucchero rimane nel sangue e non può quindi fornire energia alle cellule. Di conseguenza, il livello di zucchero nel sangue aumenta. L'insulina è come la chiave che sblocca le cellule in modo che possano assorbire il glucosio.

L'insulina non è importante solo per l'utilizzo del glucosio. Svolge un ruolo importante anche nel metabolismo dei grassi e nell'utilizzo degli aminoacidi. 

Cause e fattori di rischio

Gli elevati livelli di zucchero nel sangue scatenano i sintomi del diabete mellito di tipo 1 e di tipo 2. Ma le cause delle due forme di diabete sono diverse.

Cause del diabete mellito di tipo 1

Solo circa cinque persone su 100 soffrono di diabete di tipo 1. Un tempo veniva chiamato diabete giovanile perché spesso può iniziare nell'adolescenza. Il pancreas delle persone colpite non produce più insulina. Pertanto, devono iniettarsi regolarmente l'ormone insulina per tutta la vita per tenere sotto controllo gli elevati livelli di zucchero nel sangue. Le donne e gli uomini sono ugualmente colpiti.

Oggi la ricerca ritiene certo che il diabete mellito di tipo 1 sia una malattia autoimmune. Il sistema immunitario produce cellule e anticorpi contro le cellule beta del pancreas, che producono insulina. Queste cellule distruggono le cellule beta finché, nel corso degli anni, non producono più insulina. Quando circa il 70-80% delle cellule produttrici di insulina sono state distrutte, il diabete di tipo 1 si manifesta con i sintomi tipici, come un elevato livello di zucchero nel sangue. Tra l'insorgere della malattia e la comparsa dei primi sintomi possono passare settimane, mesi o addirittura anni.

Fattori di rischio per il diabete di tipo 1

  • Predisposizione genetica: Quasi tutte le persone affette da diabete di tipo 1 presentano speciali marcature sui loro globuli bianchi: i cosiddetti tratti HLA DR 3 e DR 4. Pertanto, la ricerca ipotizza che le predisposizioni genetiche favoriscano il diabete mellito di tipo 1. Se il padre è affetto da diabete di tipo 1, esiste un rischio del 5% che anche i figli sviluppino la malattia. Se il padre è affetto da diabete di tipo 1, esiste un rischio del 5% che anche i figli sviluppino la malattia. Se la madre soffre di diabete di tipo 1, i figli hanno un rischio del tre per cento di sviluppare la malattia. Se entrambi i genitori ne sono affetti, il rischio per i figli sale al 20% circa. Tuttavia, molte persone hanno una predisposizione genetica e non si ammalano di diabete;
  • Infezioni virali: Oltre ai fattori ereditari, anche alcune infezioni virali, tra cui la parotite e la rosolia, possono contribuire all'insorgenza del diabete mellito di tipo 1.

Cause del diabete mellito di tipo 2

Il pancreas di una persona sana secerne insulina dopo un pasto. L'ormone regola i livelli di zucchero nel sangue stimolando le cellule del corpo ad assorbire il glucosio dal sangue. Se si soffre di diabete di tipo 2, le cellule sono diventate resistenti all'insulina, reagiscono solo quando i livelli di insulina sono elevati, ma il pancreas non riesce a produrne abbastanza.  Di conseguenza, il livello di zucchero nel sangue aumenta dopo un pasto contenente carboidrati.

L'insulino-resistenza, che porta a un aumento dei livelli di glucosio nel sangue, si sviluppa, ad esempio, se si consumano costantemente troppe calorie. Il diabete di tipo 2 è molto comune in Europa a causa del frequente sovrappeso. Praticamente tutte le persone colpite sono in grave sovrappeso. Un indice di massa corporea pari o superiore a 30 è considerato il fattore di rischio più importante per lo sviluppo di questa malattia metabolica.

A un certo punto, la quantità di insulina prodotta dal pancreas non è più sufficiente per abbassare i livelli di zucchero nel sangue. Si sviluppa una cosiddetta carenza insulinica relativa: l'insulina è presente, ma le cellule non reagiscono sufficientemente ad essa.

All'inizio, il pancreas cerca di compensare questa carenza producendo ancora più insulina per mantenere bassi i livelli di zucchero nel sangue. Lavora a pieno ritmo e si esaurisce dopo qualche anno. A quel punto il livello di zucchero nel sangue può salire senza ostacoli.

Fattori di rischio per il diabete di tipo 2

La maggior parte delle persone affette da diabete di tipo 2 presenta alterazioni fisiche che vengono riassunte con il termine di sindrome metabolica. Questi fattori includono:

  • Grave sovrappeso con molto grasso addominale (aumento della circonferenza addominale);
  • Disturbo del metabolismo lipidico (schema tipico: alti livelli di triglizeride e bassi livelli di colesterolo (buono) HDL);
  • Pressione sanguigna alta;
  • Metabolismo degli zuccheri disturbato (il diabete di tipo 2 si sviluppa da una tolleranza al glucosio inizialmente disturbata);
  • Ereditarietà: nel diabete mellito di tipo 2, la predisposizione ereditaria gioca un ruolo molto più importante che nel diabete di tipo 1. I bambini i cui genitori sono affetti da diabete di tipo 2 hanno un rischio del 30-50% di sviluppare la malattia. I bambini i cui genitori sono affetti da diabete di tipo 2 hanno un rischio del 30-50% di sviluppare la malattia;
  • Età: in generale, la probabilità di ammalarsi di diabete di tipo 2 aumenta con l'età. Tra i 40 e i 70 anni, gli uomini sono più colpiti delle donne; a partire dai 70 anni, il rapporto si inverte. Questa forma di malattia veniva chiamata diabete dell'adulto. Nel frattempo, però, i giovani si ammalano sempre più spesso di diabete mellito di tipo 2. La colpa è dell'aumento del sovrappeso in giovane età.

Altre forme di diabete

  • MODY: il 2-3% delle persone con diabete soffre di "diabete giovanile ad insorgenza matura". Il MODY si basa su un difetto genetico delle cellule produttrici di insulina. Le persone colpite hanno meno di 25 anni e un peso normale. Finora sono noti 11 tipi di MODY con decorso diverso. Un esame genetico può confermare la diagnosi;
  • Diabete dopo un danno al pancreas: se il pancreas non funziona parzialmente o completamente, non produce più insulina a sufficienza. In questo caso, il trattamento con insulina è inevitabile. Possibili cause di danno all'organo;
  • Pancreatite (dovuta ad abuso di alcol o calcoli biliari);
  • Emacromatosi;
  • Fibrosi cistica;
  • Tumori del pancreas (benigni o maligni) per i quali è necessaria l'asportazione dell'organo;
  • Diabete gestazionale: circa 15-25 donne su 100 sviluppano il diabete gestazionale durante la gravidanza. I fattori di rischio sono il sovrappeso, l'età superiore ai 30 anni e una predisposizione ereditaria. Di solito scompare dopo il parto. Il rischio di sviluppare nuovamente il diabete nella gravidanza successiva è fino al 50%. Circa 35-60 donne affette su 100 sviluppano il diabete mellito nei dieci anni successivi.

Sintomi

Il diabete di tutti i tipi si sviluppa in modo insidioso e di solito passa inosservato per molto tempo. I sintomi abituali del diabete si manifestano soprattutto quando il livello di zuccheri nel sangue è estremamente elevato e il metabolismo deraglia. Si verifica quindi una grave alterazione dell'equilibrio idrico e minerale dell'organismo e, allo stesso tempo, una grave mancanza di energia nelle cellule del corpo e nel sistema nervoso centrale.

I sintomi tipici del diabete sono:

  • Forte sete;
  • Aumento della minzione;
  • Debolezza, stanchezza, affaticamento, mancanza di concentrazione;
  • Prurito, pelle secca;
  • Attacchi di fame calda;
  • Disturbi visivi;
  • Indebolimento del sistema immunitario e suscettibilità alle infezioni.

Sintomi estremi nel diabete mellito di tipo 1

Il diabete mellito di tipo 1 colpisce soprattutto i giovani. Fino a quando non vengono distrutti circa quattro quinti delle cellule del pancreas che producono insulina, l'organo può ancora compensare la carenza di insulina. Solo a quel punto compaiono i sintomi, che spesso sono molto più estremi di quelli del diabete di tipo 2. A volte la malattia si manifesta per la prima volta sotto forma di coma diabetico (coma diabeticum). Questo si verifica in seguito a livelli di zucchero nel sangue estremamente elevati. La persona colpita perde i sensi e l'alito ha un odore di acetone, un odore che ricorda quello dello smalto per unghie o della frutta molto matura. 

Sintomi tardivi nel diabete mellito di tipo 2

Il diabete mellito di tipo 2 progredisce inizialmente senza sintomi, a volte per anni. Per questo motivo, spesso il diabete di tipo 2 viene scoperto solo in ritardo, ad esempio durante un controllo di routine. A volte i danni conseguenti si sono già verificati.

Possibili malattie secondarie del diabete

Se le persone affette da diabete mellito tengono d'occhio e controllano bene i livelli di glucosio nel sangue e fanno attenzione a uno stile di vita sano, si possono evitare i danni conseguenti. Tuttavia, se la glicemia non è ben controllata ed è ripetutamente elevata, sono soprattutto i piccoli vasi sanguigni (capillari) a subire danni, che possono manifestarsi con danni agli occhi, ai reni e al sistema nervoso periferico.

Prevenzione e diagnosi precoce

Poiché il diabete mellito di tipo 1 è una malattia autoimmune per la quale non esiste una terapia conosciuta, non è possibile prevenirlo.

Il diabete di tipo 2 ha una predisposizione ereditaria. Tuttavia, è possibile influenzare fortemente lo sviluppo del diabete attraverso il proprio stile di vita. La maggior parte delle persone che sviluppano il diabete di tipo 2 sono in sovrappeso. I depositi di grasso sull'addome intorno agli organi interni sono particolarmente rischiosi. Il modo migliore per prevenire il diabete è mantenere un peso normale o perdere peso e fare sufficiente esercizio fisico. È importante trovare una dieta sana, che mantenga il peso corporeo costante e che vi soddisfi a lungo termine. Esiste una vasta letteratura sull'alimentazione, corsi presso i centri di formazione per adulti o attraverso la vostra assicurazione sanitaria. Vale la pena investire del tempo nella propria dieta e nella conoscenza della stessa. Può anche aiutare a prevenire altre malattie della civiltà, come le malattie cardiovascolari o il cancro.

Altri fattori di prevenzione del diabete:

  • Esercizio fisico regolare (resistenza e allenamento con i pesi);
  • Non fumare;
  • Consumare alcolici solo con moderazione;
  • Evitare lo stress.

Diagnosi precoce del diabete mellito

Se avete una predisposizione ereditaria al diabete o fattori di rischio come il sovrappeso, dovreste farvi controllare da un medico i livelli di glucosio nel sangue o l'HbA1c almeno una volta all'anno a partire dai 45 anni.

Diabete mellito: diagnosi

Il termine "diabete" deriva dalla parola greca che significa "scorrere attraverso". "Mellitus" in latino significa "dolce come il miele". Il nome "diabete mellito", che significa "flusso dolce come il miele", si riferisce all'alto livello di zucchero dell'urina e al suo sapore dolce. L'assaggio dell'urina era un test comune per varie malattie.

Diabete mellito: misurazione dei livelli di glucosio nel sangue
 Al giorno d'oggi, se sospettiamo che abbiate il diabete, vi chiederemo prima di tutto i vostri sintomi e poi misureremo il livello di zucchero nel sangue. A tal fine, è necessario presentarsi al prelievo a stomaco vuoto, ovvero non mangiare o bere nulla che contenga zucchero otto ore prima. Sono invece consentiti acqua, tè o caffè non zuccherati. Il laboratorio determina quindi il cosiddetto glucosio a digiuno, un valore che indica la quantità di zucchero (glucosio) presente nel sangue quando l'ultimo pasto è stato consumato da ore.

Il valore normale della glicemia è normalmente inferiore a 5,6 mmol/l (100 mg/dl) nel plasma sanguigno dopo il digiuno. Di norma non sale oltre gli 8 mmol/l (144 mg/dl) dopo aver mangiato. Il diabete mellito è indicato da un valore di glicemia a digiuno superiore a 7,0 mmol/l o da una glicemia in qualsiasi momento superiore a 11,1 mmol/l (200 mg/dl) (ad esempio dopo aver mangiato) e dai classici sintomi.

Test di tolleranza al glucosio orale (oGTT)
Se i valori di glucosio nel sangue sono nell'intervallo limite, possiamo effettuare un test di tolleranza orale al glucosio (oGTT). Nelle 72 ore precedenti il test, non bisogna soffrire la fame e mangiare abbastanza carboidrati. Otto ore prima del test, non si deve mangiare, bere qualcosa di calorico o alcolico, né fumare. Il giorno del test, verrà prelevato un campione di sangue per la glicemia a digiuno, quindi si berranno lentamente 75 grammi di glucosio sciolti in 250-300 millilitri di acqua in cinque minuti. Due ore dopo effettueremo un prelievo di sangue.

Nelle persone senza diabete, i livelli di glucosio plasmatico a digiuno sono pari a 5,6 mmol/l (100 mg/dl) e due ore dopo il test sono inferiori a 7,8 mmol/l (140 mg/dl). Se i valori a digiuno sono compresi tra 5,6 e un massimo di 7,0 mmol/l (da 100 a un massimo di 125 mg/dl), si parla di glicemia anomala a digiuno. Un valore di 7,8-11,0 mmol/l (140-199 mg/dl) misurato dopo due ore è una cosiddetta alterata tolleranza al glucosio.

Il diabete mellito esiste quando

  • I valori di glicemia a digiuno nel plasma sanguigno sono almeno 7,0 (126 mg/dl) o più; 
  • E che il valore misurato dopo due ore (valore oGTT-2-h) sia superiore a 11,1 mmol/l (200 mg/dl).


Per le donne in gravidanza, i limiti dell'oGTT sono più bassi.

Valore di HbA1c (glicemia a lungo termine)
Il normale test della glicemia e il test di tolleranza orale al glucosio forniscono ciascuno un'istantanea. Con l'aiuto del valore di HbA1c, possiamo determinare il livello di glucosio nel sangue degli ultimi tre mesi. Il valore HbA1c indica la quantità di pigmento rosso del sangue associato al glucosio. Il valore ci permette di trarre conclusioni sulla qualità del controllo della glicemia negli ultimi 3 mesi. Questo periodo è legato alla durata di vita dei globuli rossi, che vengono rinnovati regolarmente. Più spesso e più a lungo i livelli di glucosio nel sangue sono elevati, più alto è il valore di HbA1c.  Se il valore di HbA1c è pari o superiore al 6,5%, si è in presenza di diabete mellito.

Decorso e prognosi

Sia i malati di tipo 1 che quelli di tipo 2 hanno una buona prognosi se il diabete viene diagnosticato in tempo e se riescono a mantenere i livelli di glucosio nel sangue costantemente entro o vicino all'intervallo di normalità. Potete fare molto da soli per influenzare positivamente sia la vostra aspettativa di vita che la vostra qualità di vita. Questo include che

  • Misurare regolarmente la glicemia;
  • Assumere in modo affidabile i farmaci;
  • Evitare fattori di rischio come l'obesità, la mancanza di esercizio fisico o il fumo.


In questo modo ci si protegge da un decorso negativo dovuto alle malattie secondarie che derivano dai vasi danneggiati, come infarto, ictus, insufficienza renale o cecità.