Stenosi cervicale
Stenosi cervicale

Stenosi cervicale Indietro

(Canale cervicale stretto)

In contesto di un sospetto di un canale cervicale stretto deve essere effettuata una risonanza magnetica cervicale per valutare una possibile compressione midollare o un conflitto di una radice nervosa.

I sintomi tipici sono dolori cervicali che irradiano nelle braccia e/o nelle gambe, problemi di sensibilità, riduzione di forza alle braccia e/o alle gambe e insicurezza alla marcia. Un’incontinenza urinaria o dell’ano può essere presente.

Un intervento chirurgico mini-invasivo in tecnica microchirurgica è indicato se il midollo è compresso o se la sofferenza di una radice nervosa persiste nonostante la terapia conservativa. Questa operazione viene effettuata con l’aiuto del microscopio ed i microstrumenti ed è diventato un intervento sicuro e standardizzato. Il monitoraggio intraoperativo che permette di controllare la funzionalità del midollo spinale durante questi interventi è diventato uno standard e aumenta la sicurezza e la qualità dell’operazione. A dipendenza della degenerazione viene posizionato una gabbia tra le vertebre e una placca per dare stabilità alla colonna cervicale.

Subito dopo l’intervento, il paziente può mobilizzarsi e muoversi senza restrizioni. La degenza dura 1-4 giorni circa, seguita da una dimissione a casa. In casi in cui la mobilità libera era molto compromessa prima dell’intervento, la degenza da noi può essere seguita da una riabilitazione stazionaria. 4-6 settimane dopo l’intervento viene eseguito un controllo clinico al nostro ambulatorio ed in caso di benessere non sono più necessari ulteriori controlli.

Indietro