en
Dipartimento di chirurgia EOC - Chirurgia della mano

Chirurgia della mano Indietro

La chirurgia della mano si occupa delle malattie dell’arto superiore che, direttamente o indirettamente, possono interessare l’aspetto o la funzionalità della mano. Nel trattamento delle numerose condizioni patologiche o traumatiche che colpiscono le mani, diverse sono le tecniche chirurgiche per garantire il massimo risultato. Esistono interventi estesi o mini-invasivi, è possibile l’utilizzo dell’artroscopia e l’impianto di protesi. Si possono eseguire lunghi interventi di riparazione dopo traumi anche gravi, spesso con l’ausilio della microchirurgia per riattaccare parti precedentemente staccate. Possono essere ricostruiti tutti i diversi tessuti che compongono le mani: pelle, tendini, nervi, vasi sanguigni, ossa e articolazioni, legamenti, ecc.

Le mani possono soffrire di numerose malattie ed hanno una frequentissima esposizione ai traumi. Tra le affezioni più comuni vi sono:

  • la ricostruzione microchirurgica delle lesioni nervose e delle paralisi dell’arto superiore e inferiore, con particolare riferimento ai traumi stradali e da lavoro,
  • la ricostruzione microchirurgica delle perdite di sostanza dell’arto superiore (compresa l'esecuzione di lembi microchirurgici) in seguito a incidenti, tumori o malattie dermatologiche riducendo le sequele estetiche e funzionali,
  • la riparazione di fratture delle ossa della mano, del carpo, del polso e dell'avambraccio,
  • le tendiniti e tenosinoviti (ad esempio il “dito a scatto”),
  • la compressione di nervi periferici (ad esempio la “sindrome del tunnel carpale”), trattati con tecnica mini-invasiva (eco-guidata o endoscopica),
  • la malattia di Dupuytren che colpisce il palmo della mano,
  • le degenerazioni articolari spontanee (come nell’artrosi) o successive a traumi (ad esempio dopo fratture che coinvolgano le articolazioni),
  • le lesioni di legamenti che stabilizzano le articolazioni (come il legamento collaterale ulnare del pollice o la fibrocartilagine triangolare del polso),
  • le lesioni dei tendini e dei muscoli che muovono le articolazioni dell'arto superiore,
  • la ricostruzione dell’arto superiore in seguito a paralisi nervose su base congenita o da malattie cerebrovascolari per migliorare la cosmesi, l’igiene o la funzione.

Vi sono poi le lesioni di legamenti o tendini, le fratture e le ferite, che possono essere anche molto gravi fino a necessitare l’amputazione di alcune parti o di tutta la mano. Scopo principale di un approccio specialistico in questo ambito è quello di ridurre al minimo il danno secondario al trauma, dando così al paziente il massimo potenziale di recupero funzionale.

Caratteristiche del Servizio

Il Servizio di chirurgia della mano è assicurato nel Sottoceneri dal Dr. med. Daniele De Spirito (caposervizio) presso l’Ospedale Regionale di Lugano, Civico e Italiano, e dal Dr. med. Alain Thebaud (caposervizio) presso l’Ospedale Regionale di Mendrisio. Nel Sopraceneri è garantito dal Dr. med. Stefano Lucchina (medico aggiunto) presso l’Ospedale Regionale di Locarno e del Dr. med. Cesare Fusetti (medico aggiunto) presso l’Ospedale Regionale di Bellinzona e Valli.

In tutte le sedi sono trattati chirurgicamente sia casi elettivi che traumatici, in urgenza o mediante programmazione differita, in base alle necessità del caso. Alcuni casi, particolarmente complessi, sono presi in carico in collaborazione da diversi chirurghi.

Informazioni per i pazienti

Per ulteriori informazioni e prenotazioni è possibile riferirsi ai link sottostanti:

Ospedale Regionale di Lugano

Ospedale Regionale di Bellinzona e Valli

Ospedale Regionale di Mendrisio

Ospedale Regionale di Locarno

 

I chirurghi della mano partecipano a missioni umanitarie in Paesi del Terzo Mondo o in via di sviluppo, per curare malformazioni congenite agli arti superiori o affezioni post-traumatiche, con precedenza a donne e bambini. Scopo principale di un approccio specialistico in questo ambito è quello di ridurre al minimo il danno secondario al trauma, dando così al paziente il massimo potenziale di recupero funzionale.

Ultimo aggiornamento: 11 ottobre 2017
Indietro